Bergamotto e colesterolo

Il succo del bergamotto ( citrus x bergamia) è un anticolesterolo naturale.

Questo è quanto riemerso dagli studi fatti dai ricercatori dell’università Magna Grecia di Catanzaro.

I ricercatori Universitari hanno evidenziato due componenti contenuti nei Flavonoidi del succo di bergamotto: “la brutieridina e la melitidina”, dimostrando che la loro composizione ha la stessa struttura ed attività delle statine, contribuendo così ad abbassare il tasso di colesterolo in maniera del tutto naturale, il tutto senza riportate effetti collaterali epatici solitamente causati dai farmaci tradizionali.

Agli studi sono seguiti dei test, coinvolgendo alcuni pazienti con sindrome metabolica.

I ricercatori hanno fatto consumare il bergamotto per un mese, al termine del quale, hanno constatato un aumento del 36% di HDL (colesterolo buono), un calo del 38% di LDL (colesterolo cattivo), una diminuzione del 39% di trigliceridi e una diminuzione del 22% di glucosio nel sangue.

Bergamotto colesterolo dosi

Per chi cerca o per necessità o per avere un aiuto naturale nel combattere il colesterolo cattivo, è consigliato bere quotidianamente (150-200 ml.) di succo di bergamotto, eventualmente mescolato con acqua, tè o succo di arancia che ne mitiga l’asprezza.

Quando bere il succo di bergamotto per colesterolo

Bere il succo di bergamotto al mattino, se si soffre di gastrite, di reflusso o se si hanno problemi di peso, non è l’ideale, (attenzione anche a stomaco pieno) è più indicato in questi casi, a metà mattinata o durante uno spuntino pomeridiano.

Succo di bergamotto e diabete

La “naringerina”, un polifenolo che aumenta l’assimilazione di glucosio nei muscoli e nel fegato, è utile a ridurre i livelli di glucosio nel sangue e a migliorare l’attività dell’insulina.

Succo di bergamotto e ipertensione

La medicina tradizionale calabrese trova nel succo di bergamotto una nobile alternativa nel curare i soggetti che soffrono di ipertensione. Se si soffre di bradicardia o si ha pressione bassa e consigliato controllare spesso i valori di pressione arteriosa perchè soggettivamente tende ad abbassarla.

Succo di bergamotto controindicazioni

Il succo di bergamotto è sconsigliato per chi soffre di acidità di stomaco, di gastrite o di reflusso gastrico.

Per chi soffre di bradicardia, asma bronchiale, in caso di terapie anticoagulanti o altre terapie farmacologiche in corso, sarebbe consigliato chiedere parere al proprio medico per evitare effetti indesiderati o interazioni negative.

Da sottolineare che questa non è una testata medica e che tutte le informazioni fornite sono di natura generale e a scopo puramente informativo; esse non possono in alcun modo sostituire le prescrizioni del proprio medico o qualsivoglia specialista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.