Gerace

Gerace è un comune di 2 600 abitanti, facente parte del comprensorio della Locride. é posizionato su di una rupe di arenarie mioceniche, all’interno del Parco nazionale dell’Aspromonte e dista circa 10 km dal mare.

la meridiana

Gerace, dal Greco Ierax “sparviero”.

Una leggenda narra che nel 915, gli abitanti della costa, in fuga dalle razzie dei Saraceni, siano stati guidati da uno sparviero verso i monti, fino al luogo in cui fu fondata Gerace. Ecco perchè sullo stemma comunale è rappresentato uno sparviero.

Dalla sua posizione arroccata, gode di panorami mozzafiato su gran parte del territorio del Locrideo.

La cittadina, conserva ancora oggi un fascino medievale, un borgo antico, ricco di chiese, palazzi d’epoca e vani, un tempo abitazioni o botteghe, scavati direttamente nella roccia.

vicoli di gerace

La ricca storia dell’arte della città può essere letta lungo le sue piazzette, i suoi vicoli, i muri delle sue case, i suoi palazzi storici e dalle numerose chiese monumentali edificate nel corso della sua lunga storia.

I sontuosi palazzi che la abbelliscono sono quasi sempre forniti di portali in pietra lavorata da scalpellini locali.

In prossimità del centro abitato sono stati scoperti i resti di una necropoli che è testimone di tre diverse epoche. Gli scavi archeologici che l’hanno interessata hanno riportato alla luce ceramiche del IX secolo a.C., corredi locali e di importazione risalenti al VII secolo a.C. e varie suppellettili di origine greca e italiota risalenti al VII secolo a.C.

Dal 25 ottobre del 2000 su decreto del presidente della Repubblica vanta il titolo onorifico di città, in virtù dell’importanza storica, artistica, civica e demografica.

Nel 2015 conquista il 7º posto tra i 20 borghi più belli d’Italia.

nel mese di luglio è possibile assistere al Borgo Incantato, un festival di arte di strada, che anima le vie della città e la rende, se possibile, ancora più magica (assolutamente da non perdere).

Visitare Gerace

A Gerace si possono ammirare il castello, la concattedrale, la chiesa di San Francesco, una serie di piccole chiese probabilmente di origine bizantina oltre a numerose costruzioni civili di varie epoche e stili architettonici.

il castello
  • Il castello

Sorge sul punto più alto di Gerace.

Edificato probabilmente durante il VII secolo d.C., la sua esistenza è testimoniata già nel X secolo d.C. quando fu devastato insieme alla città dai bizantini. Con la venuta dei normanni, intorno al 1050, fu ristrutturato e fortificato. Nei secoli successivi subì le devastazioni di alcuni catastrofici terremoti. Di esso rimangono una grande torre e poche mura, in parte ricavate dalla roccia e in parte si ergono a picco sui burroni circostanti.

la concattedrale
  • Concattedrale

È un edificio di difficile datazione e mostra chiarissimi segni di rifacimenti e di integrazioni appartenenti a varie epoche. La struttura è divisa in due parti distinte di cui una corrispondente alla cripta e l’altra alla Basilica vera e propria.

La cosiddetta cripta “ad oratorium” (le Catacombe) si trova nella parte inferiore dell’edificio ed ha un andamento a T,

La Basilica superiore è una gigantesca struttura a tre navate divise da 20 colonne di spoglio e da due grandi pilastri a T

chiesa di san francesco
  • Chiesa di San Francesco

È una delle più importanti strutture degli ordini mendicanti dell’Italia Meridionale, ed è databile tra la fine del XIII secolo e i primi anni del XIV secolo. La struttura, di dimensioni ragguardevoli ma di forme estremamente semplici, è strettamente legata alle esperienze artistiche non solo francescane ma, principalmente angioine,

  • Chiesetta di San Giovannello
chiesa di san giovannello

La piccola chiesa in pietra e mattoni, a navata unica, fu edificata attorno al X secolo. Attualmente di rito greco ortodosso, consacrata il 5 novembre 1991 quale Santuario Ortodosso Panitalico della Sacra Arcidiocesi ortodossa d’Italia e Malta dal metropolita Ghenadios, è considerata la più antica Chiesa Ortodossa d’Italia

  • Chiesa di Santa Maria del Mastro
chiesa santa maria del mastro

L’edificio, storicamente uno dei più importanti della città nell’XI secolo, nonostante sorgesse fuori dalle mura della città, nell’attuale Borgo maggiore, mostra adesso una configurazione neoclassica a croce greca, dovuta alla sua totale ricostruzione in seguito al terremoto del 1783.

  • Chiesa del Sacro Cuore
chiesa del sacro cuore

Edificio settecentesco con prospetto e portale in stile barocco e cupola a coppo sporgente. Danneggiata dal terremoto del 1783, è stata riedificata nel 1851 grazie all’intervento della Confraternita del Sacro Cuore.

  • Chiesa di Santa Maria di Monserrato
chiesa santa maria monserrato

Costruita nella prima metà del XVII secolo, presenta una caratteristica cupola ad embrici. Al suo interno si trova il sarcofago del latinista Francesco Nicolai ed un’antica statua lignea della Madonna.

  • Chiesa di Maria Santissima del Carmine
chiesa maria ss. del carmine

L’edificio religioso originariamente fu edificato tra il XVI e il XVII secolo a navata unica. Nel 1908 la struttura è stata arricchita da due navate laterali e da un soffitto a cassettoni.

  • Chiesa di San Martino
chiesa di san martino

L’originale edificio fu costruito in età bizantina, l’attuale struttura nasce dalla ricostruzione conseguente al terremoto del 1783. Nelle sue adiacenze si trova una piccola necropoli bizantina.

  • Chiesa di Maria Santissima Addolorata

Al suo interno si trovano un organo a canne del 1850, la statua della Madonna Addolorata del 1762, opera dello scultore napoletano Francesco Vittozzi.

chiesa santa caterina
  • Chiesa di Santa Caterina

Edificio a tre navate di epoca normanna, custodisce lungo la navata centrale alcuni ovali del 1753 che raffigurano alcuni Santi.

  • Chiesa di San Nicola del Cofino
chiesa san nicola del cofino

Edificio a tre navate del periodo bizantino-paleocristiano, ha la forma di cesta e si fa risalire al VII-VIII secolo. Durante alcuni scavi sono state ritrovate quindici tombe di tipo basso-medioevale, alcune monete del XV-XVI secolo e una cisterna.

  • Chiesa di Santa Maria delle Grazie
chiesa santa maria delle grazie

Edificio annesso al Convento dei Cappuccini, possiede un altare maggiore, due altari in noce posti ai lati di quello principale e un ciborio con decorazioni in madreperla e avorio del 1720 ad opera di fra Ludovico da Pernocari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.