la Locride

La Locride, con una superficie di 1366,60 km², è un comprensorio di 42 comuni, facenti parte della provincia di Reggio Calabria.

L’area comprende il versante ionico da Monasterace a Palizzi, (detto anche Costa o riviera dei Gelsomini) e l’entroterra del “Parco Nazionale d’Aspromonte”.

il mare della Locride

Il mare della Locride, premiato più volte bandiera blu, é caratterizzato da alternanze di sabbia finissima, ghiaia o scogliere che si tuffano nelle sue splendide acque limpide e cristalline.
Le spiagge, meta di un accrescente turismo estivo, sono attrezzate di moderne strutture capaci di offrire divertimento e relax.


Dall’Aspromonte al mare, la Locride esalta un territorio ricco di storia, di borghi pittoreschi e di natura incontaminata.

Gerace, Bova e Stilo i comuni inseriti, tra i borghi più belli d’Italia.

archeologia nella Locride


I siti archeologici presenti, sono la testimonianza delle varie dominazioni e culture che hanno interessato il suo passato. L’influenza della dominazione greca prima, poi quella romana, di cui rimane evidente ancora oggi nella tradizione e nella cultura Locridea.

Area archeologica di Locri Epizefiri

Nell’area archeologica di Locri Epizefiri, si trovano resti del santuario di Persefone, che sorge ai piedi del colle della Mannella

Oltre al tempio, si trovano i resti del tempio di Zeus Olimpio, il santuario di Grotta Caruso o Grotta delle Ninfe e il santuario di Zeus Saettante.
Molti tra i resti trovati in quest’area raffigurano Zeus pronto a scagliare uno dei suoi fulmini; da cui l’ipotesi che il tempio fu costruito in suo onore.

Altra località ricca di storia è Centocamere, dove ci sono i trovati resti di numerose case e fornaci, grazie ai quali si può dedurre che questa zona, era il quartiere ceramico della città.

Area archeologica di Monasterace

Nell’ antica colonia della Magna Grecia, identificata con il nome Kaulon o Kaulonia, presso Punta Stilo, nel comune di Monasterace.

Sono presenti i resti di un Tempio Dorico, i resti del centro urbano di Kaulon, cinto di mura e posto al livello del mare.

Tra le abitazioni, c’è la Casa del drago, scoperta nel 1960, ha un mosaico rappresentante un mostro, ora esposto nel Museo Archeologico di Reggio Calabria.

Area archeologica di Casignana

La villa romana di Casignana si trova in contrada Palazzi nel comune di Casignana.
La villa ha il più grande repertorio di mosaici presente in Calabria, tra cui un mosaico risalente al III secolo che rappresenta, con tessere bianche e verdi, un thiasos marino composto da quattro figure femminili che cavalcano un cavallo, un toro, una tigre e un leone tutti raffigurati con una coda di pesce.

Prodotti tipici della locride

I prodotti tipici e l’enogastronomia della Locride, caratterizzano una terra ricca di sapori, che sono parte integrante di una cultura del gusto.

  • Il bergamotto, nella costa ionica Reggina, trova terreno e clima per fruttificare in maniera esclusiva.
  • Il Greco di Bianco DOC. pare che sia uno dei vini più antichi dìItalia, la sua produzione attuale è consentita solo nella provincia di Reggio Calabria, (in particolare nel territorio di Bianco).
  • pappaluni, cioè i fagioli aspromontani, coltivati nelle fasce medio-alte del parco Nazionale d’Aspromonte.
  • Le Patate d’Aspromonte
  • Il Caciocavallo di Ciminà è un Presidio Slow Food
  • Il pecorino della Locride
  • Il caprino della limina inserito nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali
  • La ricotta affumicata di Mammola inserita nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali
  • L’olio extravergine d’oliva della locride, e tanto altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.